Cosa significa star seduti comodi?

Quanti lavori si svolgono da seduti. Penso alle centinaia di migliaia di impiegati nelle più svariate categorie, che per il semplice fatto di fare un lavoro sedentario hanno dovuto attendere così tanto tempo per veder riconosciute tutte le difficoltà che un lavoro di questo tipo rappresenta.
Rimanendo nel semplice, potrei chiedere a te che sei seduto adesso davanti al tuo computer, quanto sei comodo. Sapresti dire se sei comodo? E che cosa rende questa sedia più comoda rispetto ad altre? Intendo in relazione a te, non alla forma della sedia.

Prova a fare un esperimento..
Prova a portare l'attenzione su come tieni i piedi, ad esempio.
Sono appoggiati per terra?
Hanno un appoggio pieno di tutta la pianta? Sei sulle punte? Sui talloni? Oppure sul lato, interno o esterno?

Ti invito poi a portare l'attenzione sulla tua colonna (la tua ;>). Su tutta la schiena. Riesci a seguirne le curve? e che comodità senti lungo tutto il percorso? Percepisci una tensione latente oppure potresti rimanere in questa posizione per molto tempo senza sentire indolenzimenti? Portare l'attenzione in quei punti, ti fa venire voglia di fare dei piccoli movimenti per aggiustare qualcosa, oppure pensi di aver trovato la posizione migliore possibile?

Fai caso a dov'è la testa e dove senti che cade il suo peso. E' impilato sopra la colonna oppure spostato un po' più avanti in direzione delle ginocchia? Sono le spalle o il collo a "tenere" il peso della testa come se qualcosa tirasse oppure senti che è appoggiata senza sforzo alcuno?

Infine (dico infine, ma non perchè sia finito "l'inventario" che potresti fare) infine dicevo, nota in che punto appoggia il bacino. Fai una piccola prova: portando sempre l'attenzione all'appoggio del bacino, arrotonda un po' la parte bassa della schiena dietro di te, poi inarcala e torna alla sua posizione abituale.

Ora hai qualche informazione in più per dirmi quanto sei comodo, sulla sedia che usi per il tuo computer.
Ma.. come stai? Quando ti alzi, terminata la navigazione, che giudizio ti rimane sulla tua sedia?

Ecco, come mai è nata l'idea di fare un piccolo corso di Metodo Feldenkrais, che introducesse proprio a un "buon rapporto" con uno degli strumenti più utili che abbiano mai inventato all'alba dei tempi.
Abbiamo sedie per tutti i gusti ormai: ergonomiche e non, con schienale, con braccioli, rigide, morbide..
La proposta di lezioni è per scoprire come NOI ci rapportiamo alla sedia e non soltanto come la sedia si rapporta a noi, cercando il modo per metterci comodi sul maggior numero di sedie possibili.
O almeno su quella che usiamo più spesso.

Naturalmente, aggiungo, tutte le lezioni di Metodo Feldenkrais lavorano sull'integrità della vostra persona, perchè è la persona tutta intera che "si mette comoda sulla sedia". Perciò, tra gli effetti collaterali a lungo termine (di qualunque gruppo Feldenkrais), potrebbe esserci proprio quello di scoprire di sedersi in modo più comodo di prima.
Le lezioni sulla sedia sono consigliate a chi ha difficoltà a sdraiarsi per lavorare a terra; a chi vorrebbe scoprire qualcosa di più sul proprio modo di stare seduto; a chi vuole avvicinarsi al Metodo Feldenkrais e scoprire un po' meglio di cosa si tratta.

2 commenti:

  1. Grazie Simona! Sto preparando un seminario sullo star seduti ma partendo dalla funzione della mano in relazione a movimenti ripetitivi e veloci come l'uso del pc e leggo il tuo bell'articolo che parte dai piedi... saluti collega. Giuseppe Strada

    RispondiElimina
  2. Grazie a te del contributo, Giuseppe! davvero molto interessante.
    Ciao. Simona

    RispondiElimina

Ma tu cosa ne pensi?